4 items tagged "plicometro"

Risultati 1 - 4 di 4

Plicometro

Category: Strumenti per il calcolo composizione corporea
Creato il Martedì, 04 Agosto 2009 09:06

Plicometro

 

Il plicometro è uno strumento utilizzato per la misurazione dello spessore delle pliche cutanee e viene utilizzato nelle misurazioni plicometriche per il calcolo della massa grassa.

Sostanzialmente è un calibro dotato di una pinza e di una molla calibrata per esercitare una pressione di 10 g/mm²

Ne esistono di diversi tipi in commercio da quelli più economici in plastica a quelli in acciaio per uso professionale che hanno in più la possibilità di tarare la pressione esercitata dalla molla.

Il valore della misurazione è espresso in millimetri e questi valori devono essere inseriti nelle apposite formule plicometriche per il calcolo della densità corporea.

I plicometri professionali più diffusi sono:

Plicometro LangePlicometro Lange     Plicometro Holtain Plicometro Holtain  Plicometro Harpenden Plicometro Harpenden

 

 

 

 

Voci correlate:

Punti di repere per la plicometria

Plicometria

Analisi della composizione corporea

Plicometria

Category: Composizione corporea
Creato il Martedì, 04 Agosto 2009 06:58

Plicometria e analisi Plicometrica

La plicometria è un metodo di misurazione della composizione corporea che serve a calcolare la massa grassa, è un metodo poco invasivo e poco costoso ma richiede esperienza e preparazione per un calcolo corretto.

La plicometria prevede la misurazione dello spessore del tessuto adiposo sottocutaneo tramite un apparecchio che prende il nome di plicometro che altro non è che un calibro meccanico a pinza.

Ovviamente non si possono utilizzare i normali calibri meccanici per questo tipo di misurazione, il plicometro deve essere tarato per esercitare una pressione costante di 10g/mm ²

La misurazione con il plicometro dovrebbe essere eseguita sempre dalla stessa persona , sempre negli stessi punti di repere e ripetuta tre volte prendendo il valore medio risultante.

Il risultato della plicometria ha un margine di errore medio che aumenta considerevolmente se ad effettuarla è personale non qualificato o se vengono utilizzati i plicometri di plastica che non possono essere tarati.

Esistono diverse formule plicometriche che prendono in considerazione diversi punti di repere e che variano in base al sesso e allo stato di forma fisica.

Ad esempio la plicometria è una tecnica non utilizzabile sui pazienti obesi in quanto lo spessore del tessuto adiposo spesso è superiore alla portata del calibro e pertanto per questo tipo di persone e più indicato utilizzare una bilancia impedenziometrica o la misurazione delle circonferenze.

Il risultato delle formule plicometriche è normalmente la densità corporea (BD Body Density), per calcolare la percentuale di grasso corporeo si utliizzano altre formule che convertono la densità corporea in %grasso, le più comuni sono quella di Siri e quella di Brozek.

Un punto da prestare attenzione è che le formule che si applicano alla densità corporea variano in base alla "razza" dell'individuo, esistono formule diverse per persone caucasiche, africane, orientale, latine.

 

 

Voci correlate:

Punti di repere per la plicometria

Plicometro

Analisi della composizione corporea

Category: Composizione corporea
Creato il Martedì, 21 Luglio 2009 09:08

La composizione corporea


Con la definizione di composizione corporea si intende la misurazione dei diversi  componenti che costituiscono il corpo umano.
A parità di peso è possibile che una persona sia obesa oppure particolarmente muscolosa, tramite tecniche di valutazione non invasive è possibile definire come è composto il corpo umano.
Infatti il peso non è un indice affidabile dello stato di salute di una persona o della forma fisica di una persona. Il grasso corporeo infatti ha una bassa densità e pertanto occupa un elevato volume e inoltre è utilizzato dal corpo umano come riserva di energia e non bisogna spendere calorie per il suo mantenimento, mentre la massa muscolare ha una elevata densità corporea, a parità di peso occupa meno volume del grasso e per il suo mantenimento richiede una elevata spesa di calorie.
La massa muscolare deve essere nutrita mentre il grasso no, questo incide molto sul numero di kcal che una persona può assumere in un giorno, un atleta molto muscoloso a parità di peso con un obeso avrà un fabbisogno giornaliero di kcal molto più elevato.
Pertanto la definizione di una dieta dovrebbe tener conto della composizione corporea di una persona.
Esistono diverse tecniche di valutazione della composizione corporea e diversi tipi di valutazione, il metodo di analisi più semplice è l'analisi bicompartimentale che suddivide il corpo in massa magra o FFM (free fat mass) e massa grassa FM  (fat mass).
I metodi più comuni per la rilevazione della della massa grassa sono l'analisi plicometrica o Plicometria e la impedenziometria, il primo metodo dovrebbe essere praticato da personale qualificato e addestrato e richiede l'utilizzo di un plicometro, il secondo viene normalmente praticato tramite le bilance impedenziometriche che permettono con una semplice pesata di conoscere la percentuale di grasso corporeo. Ad oggi si trovano in commercio decine di modelli di bilance impedenziometriche anche a poche decine di euro di costo.

Voci correlate:
Plicometria
BMI o Indice di massa corporea
Metabolismo basale

Bilancia Impedenziometrica

Punti di repere per la plicometria

Category: Varie
Creato il Lunedì, 20 Luglio 2009 12:41

Punti di repere per la plicometria

Per una corretta analisi plicometrica è assolutamente necessario eseguire la misurazione della pliche in modo corretto e nel giusto punto del corpo.

 

ILLUSTRAZIONE

SEDE

DIREZIONE DELLA PLICA

MODALITA’ DI MISURAZIONE

 

 

Punto di repere plicometria Petto

Petto

Diagonale mantenendo la stessa inclinazione del muscolo

Misurare a metà tra il capezzolo e la piega della ascella per gli uomini, a 1/3 per le donne

 

Punto di repere plicometria scapola

 

Scapola

Obliqua di  60°

Prendere la misurazione 1 cm sotto l’angolo inferiore della scapola

 

 

Punto di repere plicometria ascella

Ascella

Verticale

Con il braccio destro alzato viene misurata all’incrocio tra la linea orizzontale disegnata all’altezza del processo Tifoideo e la line perpendicolare Medio-Ascellare

 

Punto di repere plicometria tricipite

 

Tricipite

Verticale

A metà della parte posteriore del braccio sulla linea mediana

 

Punto di repere plicometria bibipite

 

Bicipite

Verticale

A metà della parte anteriore del braccio sulla linea mediana

 

Punto di repere plicometria avambraccio

 

Avambracci

Verticale

Con il palmo rivolto verso l’esterno a metà tra il polso e il gomito  sulla linea mediana

 

Punto di repere plicometria addome

 

Addome

Verticale (metodo JACKSON)

2 cm a lato dell’ombelico

Orizzontale (metodo Harrison)

Rispetto all’ombelico
1 cm più in basso e 3 cm a lato

 

Punto di repere plicometria cresta iliaca

 

Cresta iliaca

Diagonale di 45°

Appena sopra alla cresta iliaca

 

Punto di repere plicometria lombare

 

Lombare

Verticale

La plica deve essre presa a 5 cm dalla spina dorsale alla stessa altezza dellla cresta iliaca.

Punto di repere plicometria coscia

 

 

Coscia

Verticale

Prendere la misurazione sulla parte anteriore della gamba a metà del femore.

 

Punto di repere plicometria polpaccio

 

Polpaccio

Verticale

Sulla linea tibiale a metà tra il condilo femorale e il malleolo mediale

Newsletter Alimentazione e Dieta



Ricevi HTML?